MAMMA CHE NE PENSI DI UN ROMANTICO A MILANO? [cit.]

Il primo post del Duemilaeundici ragazzi! Eddaje.

Spero siate tutti ingrassati, come in Natale prevede. Che abbiate ricevuto regali molto fighi, come il Natale prevede e vi siate annoiati parecchio sbronzi al cenone, come Capodanno prevede.

Siete sfuggiti ai film natalizi a reti unificate? Avete resistito al richiamo delle vetrine in attesa dei saldi? Io sì. Per un semplice motivo: c’era da me Primate Abbigliato aka Uomo Perfetto e senza peli sulle chiappette rosa.

Ma veniamo alle questioni interessanti: no, non il fatto che devo bruciare le lenzuola, no, non il fatto che mi ha regalato un chindol (un chindol, ragazzi, un chindol! È veramente un figo il mio ragazzo!), no, non il fatto che mi ha portato i fiori, il vino e il tiramisù, no, non il fatto che ha dormito con delle braghette fiorate del mio pigiama estivo mantenendo una delicata virilità, no, non il fatto che è stato gentile e cortese con tutti i miei amici sbarcati a Roma per il Sansilvestro in mia compagnia né che ci siamo visti. No no no, niente di tutto ciò.

Le questioni interessanti sono le rispettive presentazioni parentali.

E qui va fatto un chiarimento: quando io vado dal Primate incontro i procreatori in entrata e in uscita, quando il Primate è qui per lunghi periodi (come stavolta) la mia genitrice ci invita a pranzo in maniera piuttosto continuativa.

Arrivo dal Primate con ore e ore di ritardo il famoso venerdì diciassette, quando degli imprevedibilissimi 3000 millimetri di neve decembrina hanno bloccato le Ferrovie dello Stato. In piena notte esco dalla stazione e c’è lui ad attendermi con due maglioni e una felpa, sono le 2.30 nella notte milanese, la Madunina viene invocata molte volte e in molti modi.

Lo trovo a questionare con la polizia che non lo fa accedere a prendermi il trollei.  Insomma andiamo da lui e io scrocchio un sonno di tipo 10 ore filate con filo di bava annesso. Mi sveglio e mi porta la colazione a letto. Lo amo e mi rimetto a dormire beata.

Morale della favola, emergo dalla sua stanza alle sette di sera di sabato. Stiamo per varcare l’uscio in direzione aperitivale quando una vocina alle spalle fa: “possiamo avervi a pranzo domani?”. Innanzitutto noterei la finezza dell’invito, in secondo luogo ci sarebbe da mostrare la faccia con gli occhi da cane bastonato del Primate Abbigliato che emettevano fumetti recanti la scritta “scusascusascusa” e in ultima istanza c’è da figurarsi la mia faccia sorridente che sputa un “volentieri, ma certo!”.

Il giorno dopo, domenica, alle tredici io e Primate scendiamo dalla sua mansarda, lui si mette a girare il risotto e io mi metto in imbarazzo mentre Mamma Primate spina il pesce. Papà Primate mette il vino nella neve.

Una botta di culo mi fa scoprire che Mamma Primate è vegetariana e nessuno mi costringerà a mangiare animali terrestri in cadavere cotto.

Alcuni dati fondamentali atti a comprendere la portata dell’evento:

Lochescion:soggiorno di casa Primate con decorazioni natalizie a profusione

Numero di partecipanti:4: io e i tre membri della famiglia Primate

Allestimento:tovaglia in tessuto giallo, piatti con un fiore rosa e verde, 2 bicchieri, posate d’acciaio

Menù:Risotto ai quattro formaggi, pesce al forno con olio e limone, fragole e cioccolatini portati dall’ospite (che sarei io), il tutto annaffiato da acqua naturale e vino bianco

Argomenti di conversazione:il mio lavoro, la mia città natale, le bellezze artistico-paesaggistiche della terra umbra, amici abitanti naa capitale

Durata:dalle 13.00 alle 14.00

Discorso di chiusura a cura di Mamma Primate consistente in “adesso vi lasciamo liberi che avrete da fare le vostre cose”. Stima imperitura da parte mia.

Primate arriva a Roma il 30 dicembre in occasione del Capodanno e delle ferie prolungate. Genitrice comincia a rompere sulla data in cui ci presenteremo a pranzo. Patteggio per l’Epifania. Prendiamo un treno e arriviamo nell’Alto Lazio. Mio zio ci viene a prendere con  una faccia tra lo sconvolto e l’addormentato e esordisce parlando della sbornia della sera prima. Andiamo a casa di mia nonna e mia zia non fa entrare Primate in casa perché non ha messo in ordine. Mia nonna fa un caffè e poi partiamo in macchina: io, Primate, zio e Nonna sorda.

Parte una musichina dalla radio del mezzo meccanico e, dopo 10 lunghissimi chilometri giungiamo a destinazione.

Alcuni dati fondamentali atti a comprendere la portata della catastrofe:

Lochescion:casa nel bosco, in un paese in cui finisce la strada

Numero di partecipanti:11: io, Primate, Genitrice, Zia, Zio, Nonna sorda, Cugino Boro, Fidanzato di Genitrice, Amica di Zia, ZioAcquisitoFascista più moglie e un gattino

Allestimento:tavolata con panche, tovaglia di carta a quadretti, ceramiche da osteria, calicetti tondi e brocche

Menù: melanzane, zucchine e peperoni gratinati, salame al tagliere, zucchine e melanzane grigliate all’aceto, fettuccine ai porcini, salsicce arrosto, patate arrosto, peperoni arrosto, tacchino allo spiedo, tiramisù, zuppa inglese, biscotti, vino bianco e rosso della casa, amaro della casa

Argomenti di conversazione: la sbornia della sera prima di tutti i miei parenti, il capodanno degli amici drogati di mio cugino, mio cugino a Riccione che ruba una bici uscito dal Cocoricò, Genitrice che porta i suoi alunni nella caserma dei Vigili del Fuoco e vede che tali Vigili sono dei bonazzi, il vicino bonazzo dell’amica di mia zia, il calendario del Duce portato dagli amici di famiglia e qualcosa che sto dimenticando per autodifesa

Durata: dalle 11.45 alle 17.00

Frasi celebri da ricordare:

“Non ci parli con tua suocera?” (Zia a Primate)

“Quanto sete carucci, speramo che co questo dura!” (Cugino a me davanti a Primate)

“Sto fijo magna e beve: ce piace!” (ZioAcquisitoFascista a proposito di Primate)

“Ve vorrei vedè a voi a ricordavve le cose dopo 47 anni de cene come quelle de ieri” (Zio a tavola)

“Quanto sei bella amore de Zia, ma sei proprio innamorata!Ma che te fa sto ragazzo? Te piace tanto eh?” (Zia a me seduta in braccio a Primate con tono usuale per una quattrenne)

“Ma quanto siete amorosi!” (Genitrice con tono melenso)

“Certo che nelle foto che m’ha fatto vedè mi moje sembravi un terrorista, invece dal vivo sei meno terrorista” (Zio a Primate)

“Ma tu ci capisci quando parliamo?” (Zia che parla a Primate come fosse un audioleso di madrelingua svedese)

“Certo che Primate in quanto a vino, ce dà du piste a tutti!” (Zia che pensa di complimentarsi con Primate)

“Ma com’è la cacca dei ricci?” (Genitrice a Primate che parla degli animali del suo giardino)

Discorso di chiusura a cura di Fidanzato di Genitrice, rivolto a Primate “Veni co me in cantina che te faccio fa el giro de la morte!”

Ai posteri l’ovvia sentenza.

23 thoughts on “MAMMA CHE NE PENSI DI UN ROMANTICO A MILANO? [cit.]

  1. se e' sopravvissuto a tutto cio' ed il suo sguardo nei tuoi confronti non e' cambiato…. beh, allora… e' LUI.
    agisci di conseguenza.
    silvia

  2. @lanoise: e manco poco!
    @sikander: appena mi tolgono il blocco passo a dare un occhio…e comunque l'Umbria vince sempre. Non se sa come, ma vince.
    @silvia: non prima di essere omaggiata di un "monolocale da dito" (citando AGB)
    @Plas: ma bentornè! Rendendo noto che il nomignolo del Primate è ufficialmente "chiappette rosa", non potevo che dargli le mie braghette floreali. Ha i peli dietro il collo, vale lo stesso? Secondo me sì.

  3. cara, benvenuta nel club delle storie a distanza..(perchè a me mica bastava solo quella precedente, no, ci son ricascata!)
    Ma, soprattutto, benvenuta nel club delle figlioule centro-sud italia fidanzate coi lombardi. Non dimenticherò mai mia madre che carica il mio ex, sulla via del ritorno verso la Brianza, di scatoloni pieni di pesce e burratine.
    In bocca al lupo!
    Pallina sloggata da Praga.

  4. @sikander: il maledetto filtro internet aziendale!
    @tatinapestifera: sicura che te la senti? comunque era meglio il tiramisù!
    @Pallina: ma Roma-Milano è una distanza relativa! E comunque il fascino dell'uomo del Nord andava rivalutato, era ora.
    @laVolpina: uhuh! Maccerto…tu porti le collane di fiori?
    @tomada: in qualunque caso ci saranno molti peperoni, questo è evidente.

  5. Ti capisco. Oh se ti capisco. Io il 3 gennaio ero a pranzo vicino Terni, abbiamo finito alle 5pm…e  che roba buona!
    Comunque, come dice il saggio: l'Umbria è l'Umbria
    Paola

  6. ho presente il tono esatto di ogni parola pronunciata.
    sto ridendo molto…. da venti minuti.
    aboliamo la lombardia e diventiamo tutti umbri.
    MAU

  7. Dopo questo esilarante resoconto mi sono ricordata della promessa autoimposta di rimandare al più tardi possibile l' incontro tra il futuro ometto e l' improbabile trittico tosco-veneto-siciliano che è la mia famiglia allargata.

    😀

  8. @Paola: e poi la provincia di Terni è davvero fatale.
    @AGB: ovviamente non c'erano mandarini e nemmeno paneffrittata, quello è un trattamento d'onore riservato solo a te.
    @MAU: ma la Lombardia ci sta dando grossissime soddisfazioni! Umbria capitale, sempre e comunque.
    @sikander: ebbene sì.
    @Betty: il segreto sta nel far bere l'ometto così tanto che poi comincia a confondere sogno e realtà. E anche un po' di più.

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...