LE CINQUE CANZONI ROCCHE GINNASIALI ANNI NOVANTA

Non volevo scrivere un post. Poi tutti a dire "ecco, lafrangia posta posta e non scrive la tesina". Ed io che non ho argomenti per controbattere.

Comunque, capita che mi trovi a scorrere alcuni vecchi link che postai su Effebbì e che ci ritrovi qualche canzone che, ora come ora, non ricordavo.

I ricordi vanno a tutta velocità ai tempi del liceo. Più o meno all’ultimo anno di liceo, o agli ultimi due. Frenquentavo (oltre alla perpetua Mas che all’epoca stava con CalciatorePrimo) un tizio che potremmo definire, senza esistare, PezzoDiMerdaCriminale. Uscivo con i duri del mio paese, vestivo stivali col tacco a cono, longhet di raso rosso e calze viola. Ma soprattutto mi comprai un lettore ciddì antiscioc con cui ascoltavo a ripetizone alcune  belle canzoni di una volta [cit.] che non facevano cantar tutta la gente, ma me sì. Segue breve elenco.

5 – Sugar Ray –Every morning  : rarissimo caso in cui si può perdonare la canottiera ad un uomo.

4 – Train – Drops of Jupiter  : potrà pure non piacervi, ma non credo che qualcuno abbia resistito quando parte il nanana: lì tocca da cantà.

3- Bush – Glycerine : non tanto per la melodie dolceamara, non tanto per la voce roca e sensuale, nemmeno per il testo meraviglioso, quanto perchè quando una si ferma a osservare la dentatura del cantante, poi deve riciclare aggettivi come "fantascopabile".

2 – SOAD – Chop Suey : ne propongo la favolosa versione video dei Lego.

1- LIT-Miserable: sarebbe bastato il video senza audio con la mitica Pamelona che fai dei musicisti un sol boccone. Ma la canzone è pure bella, indipercuilaquale si merita il primo posto.

Non trovano qui spazio i Five For Fighting con Superman, i 3Doors Down, quegli altri…come si chiamavano, quelli col cantante piastrato, l’emo biondo ante tempore (oh, non mi viene), i Nine Days con Story of a Girl (per chi non la ricordasse,davvero ganza), Closing Time di quelli di cui mi scordo perennemente il nome, Another perfect day con l’uomo panino nel video, Burry dei Puddle of Mudd e un sacco di altre.

Per i Blur e gli Oasis un capitolo a parte insieme ai Nirvana e tutti quei gruppi che accompagnavano le versioni di greco e latino della mia generazione.

26 thoughts on “LE CINQUE CANZONI ROCCHE GINNASIALI ANNI NOVANTA

  1. non so perchè ma mi è venuta immediatamente in mente questa..anche se non mi sembra troppo emo-blond (cioè, non mi sembra nè veramente emo, nè veramente biondo..)

    giulia

  2. certo si intuisce un’adolescenza difficile ma in fondo chi non ha avuto i suoi problemi a quell’età…..

    in ogni caso, certo di interpretare un pensiero diffuso, diffiderei la signora/ina giulia dal postare altri video dei the calling….abbiamo lo stomaco delicato………grazie…

    giuseppe

  3. Ehm sto post mi fa ricordare che io sono dell’81 e tu dell’83.
    Per esempio dorps of juppiter mi ricorda il primo anno di università, quando il collega di cui mi ero infatuata e con cui stavo pappa e ciccia, mi disse "passiamo da biologia, che c’è UNO che mi piace?".
    Più tardi ho capito che è meglio gay che etero marpionazzo. Ma vabbè, ho divagato:)

  4. Che phaiga, ascolti i SOAD. Toxicity comunque secondo me resterà per sempre nell’olimpo delle canzoni.
    Stamattina mi è venuto un mezzo colpo: sono uscito e ho visto una spiccicata spiccicata a te! E mi son detto "che ‘azzo ci fa lafrangia qua???!". Davvero, uguale. Eri tu??

  5. @giulia: GRANDE! c’hai colto in pieno…i Calling: quando l’amnesia è il male minore.
    @giuseppe: se vuoi ti posto tutta la discgrafia dei biessebbì su cui sono altrettanto ferrata.
    @pallina: a me ricorda un tizio che mi urlò contro una sera perchè, mentre di appropinquava a una fratta, gli dissi "guarda che non te la do, pure se è un mese che usciamo" e rispose"m’hai rotto LI coioni, me la danno tutte alla prima sera, ammè!". Gli ruppi inavvertitamente la maniglia dello sportello. Ops!
    @consorte: beh, Lonely Day? Sugar? BYOB? Il disco di Tankian, comunque, è proprio tutto belliffimo.
    E no, non ero io, puccioppo. Io sono incatenata al paesello.

  6. Lanoisette e Tomada, saremo pure vecchi (ed io sono il più bacucco di tutti), ma questa è musicaccia, non ne vale la pena.
    Viva Shoenberg! Viva Peppino Di Capri!

  7. @laDurli: non ci crederai ma io, di Minghi, ho il numero personale del cellulare. E’ tutt’un buco col Vampiro. Questo dovrebbe dissuaderti ancora di più dall’ascolto. E poi Minghi sembra una vecchina.
    @dp: so du ai.
    @consorte: tagliatemi le orecchie inZieme a mio marito, per cortesia.
    @Deryn: ma che discoteche frequenti se mettono i SOAD? Di quelle in cui si va con la chefia? Diocesalvi. Dove vado io a fare la finta giovane passano Rilismi e Rapdasarmas. Mah.

  8. rilismi e rapdache?!?! No, non vado nei centri sociali, se è quello che intendi.. ma in un paio di distochete che passano anche rock e metal più o meno pesante.. tutto qui 😉

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...