I CINQUE GRANDI NO DELLA MODA AL FEMMINILE

Che la moda femminile sia più creativa di quella maschile è un fatto noto. Un universo più ampio, però, permette anche un margine di errore maggiore. E Dior solo lo sa quanto sia facile incappare in un dettaglio che ti rende inguardabile nel complesso. I dettagli fanno la differenza.

Occhei, faccio mea culpa: ho avuto i capelli blu, viola, rosso fuoco. Ho indossato Fornarina con la zeppa (una azzurra e una lilla, cioè, lilla!), ginz a zampa, cappotti col pelo sintetico e addirittura un rossetto color mattone. Per anni ho avuto la riga in mezzo che, si sa, è un dramma per qualunque naso.

Sì, occhei, l’ho fatto ma avevo quindici anni sì e no e sono pure cresciuta a pane e Beverli Ilz, vostro onore, sono attenuanti di tutto rispetto.

Ma sono cresciuta, mi sono impegnata, ho letto Cosmopolitan, Vaniti Fer, qualche numero diDonna Moderna, sbavato sulle vetrine di Hérmès, su quella luminosa di Valentino a Via Condotti e ammirato tanto Cristina Parodi (prepoccia finta) quanto Gechiò.

Insomma, sia messo agli atti, per essere una di paese ho studiato, mi sono applicata e adesso – come tutti i grandi teorizzatori della storia- sono pronta a diffondere il mio sapere, la mia scienza esatta.

Ebbene, Donne, lo so che pensate che tanto gli uomini quando hanno visto la scollatura, hanno visto tutto, puoi essere anche un gavone-tegamone ché tanto non fa niente. E in linea di massima è pure vero.

Per gli uomini.

Ma per le donne, assolutissimamente no. E se un uomo lo distrai con un mezzo stacco di coscia, la sua amica di certo no.

Sì, occhei, gli uomini guardano "al macro" ma "il micro" è tutto delle loro amiche [cit.].

E quindi vedrete Mariuccio fissarvi le cosce e tre secondi dopo quella stronza dell’appendice di Mariuccio che gli sussurra "ma dai, ma hai visto che scarpe? e i capelli?". E state certe che Mariuccio è influenzabile almeno tanto quanto lo sono i vostri amici. Su questo non c’è da discutere, è un dogma.

E quindi propongi i cinque grandi no della moda al femminile:

5 – COME TI STRONCO LE ZAMPE IN MEZZA MOSSA: I LEGGHINZ.

Prendiamone atto: stanno male a tutte. Gambe corte? addio. Gambe lunghe? perchè accorciarsele? Gambe tozze? piuttosto sparati. Gambe secche? perchè accentuarle? Saranno anche da monella sbarazzina, per carità, ma sono brutti. "Ma sono comodi, risolvono tante questioni: i peli, il freddo, la mezza stagione, le mini troppo corte". Lo so benissimo, ma è come dire: mi caccio un occhio così non si nota il brufolo sul naso. Non ha senso. Non si fa.

4- GRATTARE LA STRISCIA DELLA RICARICA CON UNA MONETINA è MEGLIO: LE UNGHIE RICOSTRUITE COL GEL E LE APPLICAZIONI.

Che invenzione diabolicamente oscena. Lo so che tenere le unghie in ordine è un dramma. Che pitturarsele quattro volte a settimana è una noia, che la french manicure è complicata da fare da sole, che si spezzano, che se ne rompe sempre una quando finalmente sono tutte identiche, che la lima ha un uso più difficoltoso che il cubo di Rubik (o Rubic? o Rubick?). So già tutto. Ma sono brutte, le applicazioni fanno cagare, puzzano di plastica e poi, scusate, ma da quando è bello avere sul mignolo un gattino/arcobalenino/mazzolino di orchidee/ na composizione svaroscata? Cioè, se ci si riflette non ha senso. Meglio corte, con una passatina di trasparente durante la settimana e di rusg-nuar, nuar-blé o rosso carminio nel uichend. Fidatevi.

3 – NON SIAMO CARTONI ANIMATI: NON C’è NECESSITà DI DISEGNARSI IL CONTORNO DELLE LABBRA.

Siamo esseri umani, abbiamo contorni più o meno curvi, ma definiti. Il contorno labbra a contrasto è una delle cose più volgari, cafone, buzzurre, tegamiche del globo terracqueo. Una cafonata proprio gratuita che ci riporta ai tempi di Non è la Rai con Antonella Elia. E io mi domando: qualcuno vuole rimembrare quei tempi? non credo se ne senta la necessità.

Inoltre il contorno labbra scuro può mandare incontro a problematiche quali: pulirsi la bocca col tovagliolo e ritrovarsela tra la guancia e la tempia, ritrovarsi un labbro sì e uno no, far notare alla legittima di turno che tre nanosecondi prima le avete pomiciato l’uomo di nascosto. E non sono belle eventualità.

Ma basta dire una cosa: è davvero troppo anni Novanta.

Che il neim del vostro gheim sia "gloss": va bene sempre, dona a tutte. Beata chi si può permettere il rosso di Guen Stefani.

2- FATTI UNA VISITA OCULISTICA DA UNO BRAVO: NO AL COLOR CARNE E AL SILICONE.

Mi riferisco alle calze color carne e alle spalline in lattice e silicone.

Le calze: dal color daino, al carne, al fantomatico color nudo. Savasandir che il color nudo non esite, perchè le gambe nude non sbrilluccicano e, soprattutto, non si smagliano. Sapevatelo. (Non entrerò nella diatriba collantVSautoreggenti perchè non voglio credere che donne illuminate in grado di navigare in internet e giungere al mio blog ancora usino i collant prima o dopo la settimana bianca). Le spalline di gomma per il reggiseno: semplicemente non hanno senso. Cioè, se si hanno le tette piccole che si usino le coppe di silicone senza bretelle o il reggiseno a fascia, se si hanno le tette grosse le famigerate bretellacce non reggono una mazza, tanto vale mettere un bel sostegno di raso nero (o in tono o a contrasto). Con la codina di topo non si sbaglia mai. Mi si dirà "ma sega le spalle a metà, forma gran canyon tra collo e braccio", sì, lo so. E quindi? Cioè, anche i tacchi sono scomodi, anche la piastra non è un piacere. E dunque? Cioè, se volete essere cessi ditelo subito e manco ne parliamo.

1 – IL CRIMINE DI MODA DA PUNIRE CON PENA CAPITALE: GLI STIVALI BIANCHI

E qui io non ho niente da dire. Non ce la posso fare. Dico solo: NO. Facciamo un referendum per vietarne la vendita, vi prego.

 

27 thoughts on “I CINQUE GRANDI NO DELLA MODA AL FEMMINILE

  1.  Io modificherei  "Che la moda femminile sia più creativa di quella maschile è un fatto noto"
     in " Che la moda femminile sia più creativa di quella maschile ETEROSESSUALE è un fatto noto" (perchè gli amici checche ce lo danno nel baugigi in quanto a moda e stile, a noi donne pseudo normali, credimi!)

    Per il resto sottoscrivo tutto quanto (e i leggghinz lo so che fan smozzicano le gambe, ma io non ne posso fare a meno!)

    Adesso mi metto il tuo blog tra i preferiti, ecco.

  2. Mi hanno molto commosso le tue confessioni riguardo errori di gioventù..

    Comunque il punto 4 lo rispetto solo perché ho le unghie troppo corte: me le mangio. Mea culpa, mea culpa, mea grandissima culpa.

  3. Sono d’accordissimo sui primi quattro punti, ma non capisco questo tuo astio nei confronti degli stivali bianchi.

    Probabilmente è inconsciamente dovuto al fatto che qualcuna con gli stivali bianchi ti abbia in passato soffiato un uomo – o magari ti ha rigato la macchina.

  4. Pensa che mi è perfino capitato di vedere una tizia dalle unghie finte di 5 cm nere con tanto di loghi di louis vuitton sopra. In oro. Questo post dovrebbe essere parte dei libri di testo per la vita di relazione

  5. ormai è chiaro……
    io ti venero sopra ogni cosa fashion-magistra e diffonderò il tuo verbo a costo della mia stessa vita….

    sulla creatività della moda omo potremmo anche essere d’accordo….
    peccato che non sempre creatività sia sinonimo di buon gusto….
    e peccato che noi maschi etero siamo troppo occupati a cercare di conquistare il mondo per occuparci di moda e creatività… 

    giuseppe

  6. @BettyBryce: innanzitutto benvenuta. Sento che diventeremo presto molto amiche, non appena smetterai di mozzarti le gambe, almeno.
    @laDurli: la moda dell’anno viene incontro alle tue necessità onicofaghe,quest’anno compra uno smaltone viola scuro e passa la paura. Io non ne sono una fan, ma sull’unghia corta funziona molto bene.
    @tomada: precisando che non possiedo un’autovettura e che ho sempre avuto uomini idioti ma di buon gusto, vorrei chiederti: ma tu usciresti con una col texano bianco? o con lo stivalazzo arricciato a punta col tacco nero? Cioè. Ti prego, ti facevo così intellettualino grassottello sinistroide in fustagno…
    @Caroto: nella difficoltà, ti sono vicina. Forse effettivamente dovrei iscrivere il mio blog in qualche sito di divulgazione scientifica.
    @giuseppe: siete troppo occupati a conquistare il biondo, vorrai ben dire!

  7. beh, sarà che sono cresciuta a pane  e doson, ma cara mia, i tuoi errori non li ho fatti neppure a quindici anni. e neppure a 12 (ok, avevo delle maglie onix col cappuccio…ma in confronto sono irrisorie).  odio esattamente ognuna delle cose elencate, prime fra tutte unghie dallo spessore di 2 centimetri (per non parlare della frenc ai piedi), gambe sbrillucicanti che come dici tu poco hanno di naturale e quelle indicibili spalline trasparenti (peccato che invece si vedono)…aggiungerei le mesc di ogni colore. meglio un cappellino leopardato. leopardato e pagliettato. leopardato, pagliettato e con le rifiniture di brillantini.

    giulia

  8. Tutto condivisibile, anche se però a questo punto non si spiega l’idolatria per le ballerine, ma il mondo è bello perchè vario…
    Visto il successo di critica e pubblico, perchè non fare anche i cinque grandi SI? 

  9. Io ho..ehm..gli stivali rossi!!! A volte metto i collant color carne….
    Però uso il gloss trasparente, non uso la matita contorno labbra, le unghie son curate ma mie e monotinta…
    E i leggings, MIO DIO..I leggings….questa idea ridicola che se te li metti puoi metterti la minigonna inguinale. Cioè, se sei chiatta sei chiatta, non è che i leggings tramutano instantaneamente una 46 in una 38!!!

  10. No no, momento…….non mi si fraintenda eh! State parlando con Miss sonoadietadalletàdiseimesi….cioè lotto con la bilancia da tempi immemori, tendo a ingrassare che è una favola, ho portato la 46 per anni e ora porto "solo" una taglia in meno, quindi in altri termini NON PARLATE CON UNA MAGRA. Quindi chiedo scusa, uso spesso il termine "chiatta", ma solo per esasperare un concetto. Il concetto è che ognuno ha il suo fisico, e, al di là della taglia, se non si hanno le gambe molto snelle e filiformi, la minigonna è meglio evitarla. Cioè, bisogna riconoscere i propri limiti, difetti, saper valorizzare i pregi, volersi bene, in genere. Detto ciò, i leggings hanno sta pessima fama di essere utilizzabili con la minigonna. Di poter far sì che la minigonna se la possano permettere tutte.. beh, grande cavolata, no??:)

  11. @giulia: tesoro bello, cara, come osi paragonale il luc di Donna con quello di Gioi? Capisci la differenza…c’è tutto un abisso generazionale a giustficarmi.
    E comunque il cappelli leopardato-paillettato-strassato mi pare di mucio gusto.
    @Furioo: ma quale idolatria per le ballerine? Le ballerine sono carine, fini, relativamente comode e risolvono un sacco di drammi alla chemmazzomimettoperl’ufficio?
    L’idolatria la si lascia a Jimmy e Sergio (Choo e Rossi, n.d.a.)
    Inoltre, è impossibile scrivere i 5 grandi sì della moda al femminile, magari posso iniziare a pensare ai 5 grandi mastevv.
    @pallina: tra il rosso e il bianco c’è una bella differenza. Una su tutte è che il rosso non inchiatta mentre il bianco sì sì sì.
    Il collant color carne…tu! esci da quel corpo! abbandona quelle gambe!
    E sì, sì, condivido pienamente: questo sdoganamento della mini in ogn dove è davvero intollerabile.
    @giuseppe: io ti adoro in quanto donna burrosa. Ovvero: il mio corpo è composto per l’80% di burro.

  12. Ok: lo stivale bianco nel 96-97% dei casi può risultare abbastanza cafonal, ma secondo me qualcuna se lo può permettere in determinate occasioni.

    Un paio di precisazioni: non sono un intellettuale (tantomeno -ino) e il fustagno mi fa cagare. Per quanto riguarda il resto può dipendere dal periodo e dai punti di vista.

  13. @tomada: lo stivale bianco sdaddaria parecchio, diciamolo. E comunque sappi che sto cercando soci per creare la LLF (lega per la lotta al fustagno), ti terrò presente per l’ufficio stampa.

  14. 5) morte ai legginz. non si potevano vedè addosso a Madonna nel video di papa don’t preach, figuriamoci ora.
    4) infatti, piuttosto che farmi le applicazioni col gel, ho preferito ricominciare con l’onicofagia dura&pura.
    3) inguardabile. da zoccolona del melchiorre gioia. e con il total black ogni tanto sì, rouge rouge.
    2) lo sostengo da sempre: bruciamo tutte le spalline al silicone.
    di color carne uso solo le calze a rete. e mi permetto le collant solo le poche volte che vado a scuola in gonna: non sono mica la prima Belèn che passa, io so cos’è la perifrastica, digggiamolo.
    1) li tollero solo in versione bassa, scamosciata e color crema. altrimenti, vanno bene per il prossimo video di Lady Gaga.

  15. D’accordo con il punto 3 e il punto 2. Il punto 5 dipende molto da chi liindossa. Il punto  4 dipende anche li’ dalla tipa: ma e’ vero che l’unghio disegnata fa sempre un po’ meretrice (e il mio non e’ un giudizio di valore. Io adoro le meretrici). 

    Il punto 1 dipende, anche qui. Proprio ieri ho visto una topa disumana che sfoggiava uno stivale bianco sotto vestito fasciante bianco con spacco inguinale sul lato. ed era un gran bel vedere. 

    dp

  16. @lanoise: …anche detta ledi caca, la tipa..
    @dp: stivale bianco e abito fasciante bianco sdaddariegga parecchio, e non è cosa giusta. Puoi avere lo stesso effetto stracciamilemutande in nero essendo molto più fine (e fina).
    @tomada: stipendio no profit, è un’organizzazione no profit.

  17. Vero tutto.
    il bianco stivale fa molto anglosassone, tipo libro di inglese delle medie.
    e le unghie ricostruite mi fanno anche un po’ senso.

    elle

  18. E quindi vedrete Mariuccio fissarvi le cosce e tre secondi dopo quella stronza dell’appendice di Mariuccio che gli sussurra “ma dai, ma hai visto che scarpe? e i capelli?”. E state certe che Mariuccio è influenzabile almeno tanto quanto lo sono i vostri amici. Su questo non c’è da discutere, è un dogma.

    Se lo stacco di coscia vale e la mia appendice mi sussurra “Le scarpe! Guarda che scarpe inguardabili!“, io le rido in faccia: “Infatti; e chi le guarda le scarpe? Si vede proprio che sei una donna, hahaha!”. Tollero male la malignità femminile verso chi è più bella.

    Sui tuoi dettami in materia d’abbigliamento:

    5) (legghinz, pyaze, gnik)

    2) Color carne: mi’ nonna, pfui. Collant: dissuasori ineleganti. Doppio pfui.

    1) Il problema dello stivale bianco è che bisogna poterselo permettere. Se te lo puoi permettere, farà pure un po’ mignotta ma quando ce vô ce vô. Libro d’inglese vecchio stile… aha! Si scoperà alla luce di una lava lamp. L’idea mi attizzissima.

  19. meraviglia l’unghia rifatta, soprattutto quando si spezza, si rovina, si toglie.
    occheffffemminilità.
    e il collant carne, lo stivale bianco, il contorno labbra e le spalline lasciamoli alla zoccolona rumanità.

  20. commento la 4 e la 3.
    La 4 credevo capitasse solo a me, quindi per me è sinceramente una bella scoperta che non sono l’unica!
    La 3 te l’approvo e non te l’approvo. Secondo me è davvero una cosa volgare (e se fosse solo volgare andrebbe bene, ma è pure una cosa brutta, ma questo è un’altro discorso) il contorno delle labbra fatto conuna matita. Ad esempio: contorno marrone e gloss rosa perlato, contorno fuxia e rossetto rosso-davvero-chiaro, ma la cosa più oscena che ho visto é: contorno nero e lucidalabbra! Wow! Si si, esistono seriamente queste cose. Ma per quanto anni novanta (mi riferisco a come Marilyn usava questo tipo di trucco) un contorno rosso chiaro su un rossetto rosso scuro non ha paragoni, è il massimo dei massimi. Poi se una non si sa truccare e mette l’eye-liner verde con un rosseto fuxia, allora prorpio non ci siamo, e allora si… I contorni labbra fanno schifo davvero.

  21. @AnoressiaDiario: benvenuta! beh, per quanto riguarda la matita per le labbra hai ragione. Ma sii onesta: quanta gente vedi in giro con la matita messa decentemente?
    E matita nera con lucidalabbra è un cult degli anni ’90 che preferirei dimenticare insieme alle camicie di flanella…

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...