CAPITA ANCHE AI MIGLIORI, PARE

Oggi avrei un sacco di cose da scrivere, però non so da dove cominciare. Ce ne sarebbero pure di divertenti, tipo la nuova offensiva che sto subendo da parte di BelloneMicroFallico. Però mo è lunga e non ne ho voglia. Poi ci sarebbe da dire di GRGA che ultimamente se la tira. Poi di Lamebo, mai più sentito (strano, eh?, così loquace il ragazzo…). Poi di Lo Smessaggiatore che pensa di fare il galante dicendomi (testuali parole) sei un po’ chiatta ma sei comunque carina, e non pensa manco di scusarsi. (E’ più grave chiatta o carina? mah…) Poi di MAS che esce con uno fidanzato con una tipa che però con lei è galante ma a lei fa un po’ pena perchè ha umili origini e s’è sudato la Classe C. Poi di Lui che ultimamente mi parla su emmessenne (fatto già di per sé allarmante) con tono iperamichevole, come avesse voglia di scherzare con qualcuno. Poi di me che ci penso. Poi di me che voglio assolutamente che uno di quelli che vorrei mi scrivesse, mi scrivesse/chiamasse/smessaggiasse concretamente.

L’evento della giornata, comunque, è stato il principio di cambio di stagione. Cioè, mi sono resa conto di avere una quantità di vestiti allarmante. Un giorno si ribelleranno e mi uccideranno. Ho tirato fuori due camicie di seta nera (una serpentata bianca e una con rouches), un abito fuxia con un nodo da un lato, un paio di scarpe tacco 15 e dei pantaloni con ancora il cartellino. E il bello è che ieri ho fatto sciopping: non solo mi sono portata a casa un paio di pantaloni, una camicia (di raso bianco e nero – la terza, n.d.a.) e un golfino. No! Non paga ho ordinato un vestito…manco a dirlo, un mezzo tubino nero. Che mi serviva proprio.

La cosa più inquietante è che ho dovuto aprire anche la cassettiera. Così ho notato una cosa: quando non trovo niente da comprare "per sopra" comincio pure a comprare pigiami e intimo del tutto superfluo. Perchè il bello è che sta lì, nel reparto Intimo Strappone con tutti i cartellini e le etichette attaccati. Quanta consapevolezza di tristezza tutta in un cassetto, mondié.

Ho fatto una riflessione seria: devo dare le cose in beneficienza. Poi, ragionevolmente, mi sono chiesta chi mai potesse beneficiare di tanto pessimo gusto anni ’90: magliette di laicra misssicsti, ginz dorati fornarina e non aggiungo altro che ormai sono una donnina tutta tubini neri e verde acqua.

Domani, in qualunque caso, devo finire di rigirare sottosopra quel piccolo microcosmo armonioso di tarme, sete e laicre che è il mio armuar.

In tutto questo, ovviamente, non ho niente da mettermi.

19 thoughts on “CAPITA ANCHE AI MIGLIORI, PARE

  1. Io l’anno scorso ho comprato una sciarpa nera che mi piaceva un casino poi, dopo averla indossata un sacco di volte, mi sono accorto che sull’eticahetta c’era scritto “misssicsti”. E devo ammettere che mi sono sentito molto donna.
    Niente, mi sembrava in linea con l’argomento.

  2. La questione etica è: quando fai la classica busta di roba che non metti più da portare alla chiesa di fronte casa tua, l’intimo ci va o no? Io me lo sono sempre chiesto… Alla fine, il/la bisognoso/a dovrà mettersi pure delle mutande… Ma se sono troppo aggressive? Si riunisce una commissione ecclesiastica per deliberare? Mah…

  3. il donare vestiti è una truffa
    i vestiti donati vengono venduti alle ditte che li riciclano come “stracci al chilo” per le industrie
    non vedrai mai un capo donato alla “caritas” indosso a qualche meno abbiente
    alla domanda veniva riferito che “non era decoroso far usare vestiti usati a nessuna persona”
    alla faccia del vintag

  4. Ma sai il divertimento di portare dal prete la roba da dare in beneficenza e mollarci anche due giarrettiere trai maglioni da far borbottare qualche ave maria al padre, tutto scombussolato dalla scoperta?

    Comunque, ti invidio: io non ho libertà di scelta su ciò che è il mio vestiario da quando mia sorella porta la mia medesima taglia..
    In un anno mi sarò comprata si e no un maglione e due t-shirt (uso le sue, seppur crticandole). Figuriamoci se ho la libertà di dare via qualcosa.

  5. he he he, sei grande!
    (per il vestiario, basta non portarlo alla caritas: ci sono un casino di associazioni laiche che la danno sul serio a chi ne ha bisogno, la roba: io porto tutto ad una casa famiglia per ragazze madri, così sistemo sia le mamme che i bambini! 😉 )

  6. sante parole:
    è una vita che compro vestiti e non ho ancora niente da mettermi…
    una disgrazia: ogni volta che inizia la stagione e non trovo niente che mi ripiaccia penso “ma cosa mettevo l’anno scorso??? andavo in giro nuda??”
    Ah, dio. urge scioppin. URGE.

  7. Secondo me le donne hanno tipo un gene che le spinge a comprare ed accumulare montagne di vestiti e affini (con preferenza per scarpe e borse). Deve essere un retaggio del nostro passato nelle caverne, quando l’uomo uccideva mammuth e orsi e le donne evidentemente li spellavano e ne facevano capi d’abbigliamento per il lungo inverno.

    Se poi un giorno scopriranno questo gene e lo sopprimeranno il pil mondiale calerà di almeno 7 o 8 punti.

  8. @lanoisette: non capisco com’è possibile. Cioè, tra l’altro, se faccio una stima ad occhio di quello che ho speso per riempirmi casa di acari…ci esce preciso preciso un’appartamentino a Piazza Navona.
    @giusé: ah, lo puoi ben dire…
    @pallina: vero? da rispondere “e pensare che tu sei chiatto e basta”
    @consorte: oddio, il tuo coté gaio mi fa impazzire!
    @angus: cioè, mi stai dicendo che i miei ginzini fornarina taglia 36/38 lavaggio limitid ediscion verrebbero considerati stracci al chilo ?????? allora piuttosto li ingoio. Ah, no, sono a dieta.
    @laDurli: ah guarda, per quello che le uso le mie ghepier potrei anche darle vie.
    Per quanto riguarda i tuoi mancati acquisti: per l’abbigliamento non fa niente. Ma devi assolutamente comprare uno smalto antirosicchiamento. Entro il 2010 prevedo una frencmanicur.
    @lerinni: quindi mi stai dicendo che io la mia roba la potrei portare ad una discofamiglia che vive nel mito degli anni ’90?

  9. @makeup: vero? madonna…me lo domando pure io…beh, immagino che l’anno scorso portassi tutto quello che adesso mi pare fantastico e che non mi passa manco per una coscia.
    @tomada: vero, e penso che se sopprimessero in me quel gene, finalmente potrei comprarmi una casa.

  10. in ameriGa se si regalono i vestiti a un paio di associazioni specifiche, si puo’ scaricare il valore del dono dalle tasse. E infatti, sto gia’ preparando un enorme saccone per l’anno prossimo. La cosa bellissima e’ che puoi dichiarare il valore, e lo stato, e il prezzo dei capi, e nessuno controlla (nei limiti della decenza). per cui quel giacchetto rosso e ROSA Prada che mi sono comprato 6 anni fa e che NON mi sono mai messo diventera’ un’ottima fonte di risparmio.

    Il tipo che ti ha detto che sei un po’ chiatta ma carina merita solo problemi di erezione.

    demonio pellegrino

  11. appoggio dp….
    uno (per giunta panzone) che si permette di dire ad una bionda “sei chiatta ma carina” si commenta da solo….

    giuseppe

  12. @dp: una giacca rossa e rosa? aiuto.
    Sì, forse Lo Smessaggiatore è un po’ uno stronzo.
    @a.i.: alla fine ho vinto io contro il maledetto armadio mangiatutto!
    @giuseppe&makeup: tanto secondo me legge i commenti… (faccia malefica)

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...