LA PARTICELLA ELEMENTARE

In questo periodo, essendo più libera, scrivo come un’addannata su questo blog. Sarà pure che, avendo ripreso in minima parte in mano la mia esistenza ed avendo smesso di versare lacrime e sangue nel master, ho tempo di fare delle cose, vivere alcune situazioni insomma: campare un poco.

Insomma io e MAS non uscivamo insieme da un po’, quindi ieri – sabato di Pasqua – al nostro solito orario barcelloniano (mettiamo il naso fuori di casa verso l’una) ci siamo dirette in centro città.

Vestirsi, con sto tempo, è stato un dramma. Alla fine opto per un luc di mezzastagione che mi fa schifo in cui mischio stivali e jeans a una giacca leggera e alposto della maglietta un vestito: un disastro. Andiamo a finire in un localetto che non è una discoteca, non è un pab, non è un discopab, è come il mio luc: un disastro. Lì incontriamo alcune nostre conoscenti, gente del paesello, prendiamo un drinc, quattro chiacchiere qui e lì, solita rutin. Notevole è la performanz di un ragazzo che posa le sue mani in ordine su ConoscenteUbriacadiritornodall’Erasmus, ConoscenteFidanzata, me e MAS: io capisco l’applicazione della legge dei grandi numeri, però anche un po’ meno va bene lo stesso.

MAS mi racconta dei tre o quattro tipi che tiene in ballo senza mai concedersi, le racconto un po’ de Lo Smessaggiatore con cui alla fine mi sono riappacificata, di Lui con cui ho ciattato, di GRGA che fa lo spandone [cit.], della dieta che non riesco a fare e delle pessime vetrine di questo periodo. In tutto questo, prese dalle nostre chiacchiere da comari che non si vedono da una vita, tra un commento sulle scarpe altrui e l’altro, noto un tipo. Madonna che figo: ricciolino coi capelli un po’ anni settanta, giacchina di pelle nera aderente, magliettina bianca di qualche gruppo tipo i Chillerz e ginz. Denti splendidi, viso regolare: proprio bellissimo, avrà ventidue anni. E alternativo q.b. in un posto in cui tutti i maschi sono così pettinati che se gli dici guarda che hai un capello fuoriposto ti rispondono che numero?. Lo nota anche una conoscente. Lo guardo, giusto perchè è bello. Nessuna ma nessuna ma nessunissima intenzione flirtatoria. Lui più che guardarmi, mi vede. Vabbuò, pace, serata tra amiche per divertirsi e spettegolare.

Invece quando esco per accompagnare MAS a fumare (io non fumo, n.d.a.) incontriamo un amico del paese e MAS mi fa certo, Frangè, che a te manco li storni…Non capisco, mi giro e vedo FigoRiccio che ride. Rido pure io, ma solo per la figura di merda. Insomma i miei amici si mettono a fare gli stupidi e finisco a parlarci. Da vicino è ancora più bello.

– piacere Lafrangia

– piacere Lamebo (ora si capirà perchè)

– di dove sei?

– ah io di qui, della Città…

– ah no, io sono di Paese…

– ma qui non ci vieni mai…

– mah, sai, ogni tanto…ultimamente era un po’ che non passavo…

– ah

– quanti anni hai?

– Trenta

– chi l’avrebbe mai detto! sembri molto più giovane

– eh lo so

– insomma, cosa fai nella vita?

– lavoro in pizzeria

– ah..qui in Città?

– sì

– io adesso studio, sai, prima lavoravo

– ah

– qualche passione,obbi?

– mah, vado in palestra

– ah, interessante…

– eh

– passioni oltre la palestra?

– mah, no, non ho tempo col lavoro

– ah, capisco

– mi piace stare col cane

-ah, che bello, hai un cane quindi… che cane è?

– un rotvailer

– uh, che spavento…cosa fai domani?

– vado al mare

– e pasquetta?

– mah, non lo so

– noi pensavamo di andare al mare, se fa bello, altrimenti in casa, in campagna…

– ma tu dove vai al mare di solito quando ci vai un giorno solo d’estate?

– mah, sai, io vado in piscina di solito, ché al mare è uno sbattone…

– ah, no, io vado al mare

– insomma, mi dicevi che vai in palestra…

– sì, tutti i giorni

– ah, ma dove trovi il tempo?

– mi alzo alle quattro e mezzo…

– alle quattro e mezzo??? e che fai, scusa???

– eh, fai colazione, una cosa e l’altra…

– quindi di sera alle 8 ti addormenti…

– no, alle 8 ancora lavoro…

– ah….insomma domani che combini di bello? io non so se andare a ballare…sai, con MAS, ché ultimamente l’ho vista poco…

– ah, eh, forse anche noi…

– noi pensavamo, nel caso, di andare a LocaleDellaProvinciaLaziale…

– ah pure noi…

– beh, dai se devi andare…

– no vabbè…

– aehm…

– senti, casomai se mi lasci il numero ci possiamo sentire domani, per andare in quel Locale, ci troviamo giù…non so…

– ah, occhei. 123456…

– vabbè, allora buonanotte. SMACK SMACK

– ciao ciao, ci sentiamo

Adesso, no, una mica pretende chissà cosa. Però cavolo, due domandine del menga, che ne so. Cioè, sei un figo, io ci parto bendisposta, no? No, lui lì, che gli interessa il cane e la palestra e fa turni da operaio cinese in una non ben nota pizzeria del quartiere dell’ospedale in qualità di non si sa cosa. Sta lì, risponde a monosillabi e quando gli offro la scusa per telare via (magari da vicino non gli piaccio) resta lì,  a non dire una mazza. Mi chiede dove vado al mare d’estate. Io boh. E il bello, in tutto ciò, è che era convinto di starci a provare. Dove andremo a finire?

29 thoughts on “LA PARTICELLA ELEMENTARE

  1. c’è da aggiungere che per fortuna ci sono ancora donne come te che fanno selezione all’ingresso e, dopo la presentazione a colpi di riccioli e giacca di pelle aderente, si aspettano qualcosina di più da un uomo….

    giuseppe

  2. la tua fortuna sarebbe trovare uno bello ma che da ragazzo era un cesso
    sanno tendere al non parlassi addosso ed hanno quel tanto di insicurezza che… e poi prestano quel tanto di attenzione che potrebbe portare ben oltre al semplice “ci sentiamo”

  3. @consorte: direi che non studiano manco i polisillabi.
    @pallina: e pensare che basterebbe così poco…
    @giuseppe: ripeto, bastava davvero poco per evitare questa figura barbina, chessò, aggiungere un e tu? alle sue risposte. Gli ho fatto quaranta assist, alla fine era stancante e imbarazzante.
    @angus: sbagli, perchè questo è il caso delle donne. Gli uomini che prima erano cessi (di solito prima erano grassi e ora vanno in palestra) sono sempre dei palloni (s)gonfiati, di quelli che “adesso se lo possono permettere”, probabilmente segnati da adolescenze brufolose e ad altro contenuto onanistico.

  4. poteva, come al solito, andarti peggio, se ci pensi: poteva offritri un appuntamento in palesra alle 4 e mezza del mattino.
    ovviamente tu gli avresti tenuto a bada il rotweiler mentre lui alzava pesi.
    sarebbe potuto nascere un amore… col cane, naturally.

    [e]

  5. @mauvaiseganja: mi fido.
    @makeup: ma ‘nfatti.
    @nonno dp: io credo che il massimo che applichi sto tipo sia il dopobarba.
    @enrico: in teoria avrebbe anche potuto essere un fan di Evilenko, ma nzomma, in teoria io partivo bendisposta e benpensante e bentutto.

    Comunque ci sono evoluzioni.
    Sulla falsariga del giorno prima, ofcorz.

  6. Quando ho un po’ flirtato con un brasiliano-napoletano ad agropoli, ti ho pensato: sei l’unica trai miei bloggher che incontri uomini regolarmente.
    Ora che ho scoperto il mio femmineo potenziale ti leggerò come fossi la bibbia. O la guida del 730.

  7. @tcc: vero, ha chiesto il numero. Encomiabile mossa. Poi ieri sera mi ha mandato due essemmesse per sapere cosa facessi, gli ho detto in che locale andavo ed è venuto lì. E ha pensato bene di non rivolgermi la parola.
    Qualche psichiatra da consigliarmi?
    @Durli: mmm… uomini me pare na parola grossa…diciamo meglio ominidi . E comunque sì, li incontro, li saluto e se ne vanno.

  8. ma questo e’ un genio del male? ti chiama, ti chiede dove sei, viene e non ti parla? Un genio!

    Al limite, io al posto suo mi sarei portato una gran figa per farti schiattare.

    demonio pellegrino

  9. hahhahahahah
    ma daaaaaaai!!
    non può essere vero!!!
    cioè, uno non può davvero chiamarti per chiederti dove sei e poi non rivolgerti la parola!!!
    ahahhahaha
    sto ridendo fortissimo!!!
    è davvero un genio del male!!!

    giuseppe

  10. frangia il fatto è che il destino ci vuole singòl finchè io e te non convoliamo a giuste nozze..sappi che anche per me la vita è dura in tua assenza..altro che nani&amebe..se sapessi in cosa mi imbatto io!
    a.i.

  11. Solo a sentire che razza di cane si tiene sarebbe bastato per darmi alla fuga.certo se il sorriso merita… però mi pare che la seconda possibilità se la sia giocata proprio malino.forse pensa che basti la presenza, forse è molto timido, forse è un po’ nerd.

    elle

  12. @ipsedixit: che la stipsi ti colga.
    @dp: ma sai, io ho pensato che se la volesse tirare. Ma non mi pare abbastanza sveglio per concepire piani tanto strategici. Cioè, se non ce prova mica me dispero, anzi. Il pensiero di passarci più di 8 minuti, in tutta sincerità, mi inquieta.
    @giuseppe: guarda, l’universo non smette mai di stupirmi. Di gente strana ne conosco ma questo batte tutti. Magari ha un piano superiore che noi non capiamo. Mansardato.
    @a.i.: dici? allora sbrigamose.
    @elle: ti dirò, è proprio bello. Ha questi denti perlescenti, un figo da paura. Ma secondo me manco lo sa. E poi è così tanto scemo che ti passa la voglia.
    @lanoise: seee, facce pure il multipol deting…io non me la sento, piuttosto sto a casa a vedere la finale di ics factor.
    @consorte: ho sempre saputo che fossi un genio della perspicacia, per questo ti ho sposato.

  13. uff che bello sto blog…
    fa venire voglia di riprendere a cuore la propria femminilità…e di riaprire un blog. Ma soprattutto la prima. Dovresti tenere dei corsi di motivazione femminile:)

  14. @angus: con la piccola differenza che la parte dell’imbecille la fa lui.
    @pallina: pallina cara, tesoro, io ti ringrazio tanto. Ma forse c’è qualcosa che non è tanto chiaro…
    Io dovrei tenere corsi di motivazione femminile? Cioè…Io che non riesco a tenere a bada la mia vita nemmeno nel senso circonferenziale del termine? Io che sono la Real Sora Camilla (tutti la vogliono e nessuno la piglia)?
    Al massimo, pallina cara, posso tenere corsi su mesc, unghie pittate e scarpe col tacco. Cioè, io sulla teoria sono ferratissima, è la pratica che mi frega.
    @giuseppe: giusè, ce manca solo che t’arricchionisci pure tu e qui è la fine!
    @anonima/malanca: si potrebbe dire la stessa cosa della panza.

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...