A REAL BLONDE GIRL NEVER GIVES UP

Succede che incontro due mie care amiche alla stazione Termini: andiamo insieme ad una festa-aperitivo. Dobbiamo scegliere il regalo per la festeggiata e propendiamo per un libro. La mente associa con contatto diretto libro-Borri-Emanuele. Ma è domenica, e magari – Povero Tesoro – non lavora. Allora entriamo e decidiamo di scegliere un manuale sui vini o sul cinema. Ci trastulliamo per un’ora e mezza tra Curare la stipsi con la cromoterapia, Angeli di découpage e Chi ha rubato l’Uccello quando, tra una lacrima per le risa e l’altra mi trovo davanti lui, Povero Tesoro.

Digrediamo: stavo andando a una festicciola, una cosa informale, per cui non avevo la tenuta panterona – ovvio – ma avevo quei 5/6 etti di mascara che bastano e un cappottino giustamente rivelatore di curva e pendenza.

Lo guardo negli occhi, batto le ciglia imbarazzata, e faccio "Ciao!" spalancando un sorriso. PT mi guarda, fa una faccia stralunata e invece di dire quello che sta pensando, se ne esce a stento con un "…ciao?…". Se avesse dato consistenza alla sua voce interiore sarebbe uscito qualcosa del tipo "E questa mo’ chi è?".

Continuo a guardarlo tra gli scaffali, vado a pagare. PT niente, impalato che cataloga, prezza, sposta, smarmiccia, impila, ammonticchia, registra. Concentratissimo. Indossa dei pantaloni larghi, delle scarpe da tennis marroni e masticate, normalmente deve lavorare su una pedana di mezzo metro oppure gli hanno segato i polpacci. Ma io apprezzo i suoi modi. Quali modi? Non importa.

Mi specchio appena fuori dalla libreria: capelli in ordine, bionderrimi, due pozzetti di Ionio con un contorno nero al posto degli occhi. 

Le mie amiche mi guardano come vedesso un poltergaist: come fa a piacerti? sei impazzita? dovrebbe, in ordine:  baciare terra, creare un santuario in nome di tutti gli dei che ti hanno rinconglionita e messa sulla sua strada, venerarti come la dea Kalì, fare la danza della pioggia e dell’ammore.

Invece non mi caga manco per sbaglio. Roba che se cado in terra mi scavalca.

Ci rimugino, ci bevo un numero dispari maggiore di 3 di prosecchini e torno a casa. Ne discuto con la mia amica ospitante romana.

Arrivo a scuola, ci penso ancora, non me ne faccio una ragione. Confabulo con le compagne di banco e la compagna di pendolo, la strollica, mi annuncia che la luna è entrata in sagittario e che quindi tutto andrà bene. Stabilisco di mandargli un essemmesse. E’ passata una mazzutissima settimana e del millantato aperitivo/caffè manco l’ombra.

Sei ghei? dimmelo. Sei fidanzato? dimmelo. Non ti interesso? curati.

Prendo il nochia rosa a quattro mani e digito:

A quando il caffè? E’ arrivato il momento di conoscerci, altrimenti dovrò venire in libreria con un segnalibro a  freccia per farmi riconoscere! Frangia

Attendo, attendo, attendo e poi, parbleu, due essemmesse tutti insieme. Uno è il suo:

Sono a san lorenzo nel primo pomeriggio. se stai da queste parti possiamo trovarci. senza freccia dai…

Dicasi questo "essemmesse di merda". Cioè, per la serie "sì dai ti faccio sto piacere, passa tu". Ma stiamo scherzando? Mah. Cioè, PT chi è la bionda tra i due? Allora decido di aspettare la canonica ora e cinque minuti e poi scrivo:

Ho letto ora il messaggio ma sono al master. Se vuoi possiamo fare domattina…

Qualcuno ha testimonianze di una bionda tanto remissiva e paziente? Forse il problema è proprio questo… Comunque tempo tre secondi netti mi risponde:

Ahi! domattina sto in libreria a cercare il frecciasegnalibro…sono di turno!

Ho tentato di vedere questo essemmesse come simpatico et grazioso et gentile. Ma sto mazzo! Cioè, sì, è tutto molto bello ma quando arriva la parte in cui mi inviti?

Io non ho parole. Non ne ho avute. E quindi non ho risposto. Tutto ha un limite.

Poi ho pensato che domattina potrei mandargli un caffè in libreria con un biglietto "VEDIAMO SE CON QUESTO TI SVEGLI". E non mi si venga a dire che mi piace perchè fa il prezioso, perchè così non è. Vabbè che ormai anche noi Bionde ci accontentiamo di quel che passa le couvent, ma nzomma. Ormai è una questione di principio.

Ma  intanto faccio il castoro. E dunque rosico.

42 thoughts on “A REAL BLONDE GIRL NEVER GIVES UP

  1. @michele americano: io devo darti quasi sempre retta. Hai quasi sempre ragione, porca paletta.
    @anonimo DOCG: “non te smove na cannonata” mi pare proprio calzante.
    @lanoisette: eh, vabbè, ma cacchio…ma una più che fare occhioni-occhioni e smessaggiare che cavolo deve fare? poi dicono che ce la tiriamo…

  2. io lo avevo detto….
    già col primo essemmesse scialbo si era presentato….male!!!
    o non ci sa proprio fare oppure, da come lo hai descritto, è un tipo tra il frikkettone e il pankabbestia malriuscito che schifa le bionde col mascara….
    in entrambi i casi direi che non sa che si perde e che hai fatto decisamente troppo….è evidente che sto caffè non se lo vuole prendere….

    frangia, ormai il consiglio sembra unanime…veleggia verso altri lidi….

    giuseppe

    PS:Ma intanto faccio il castoro. E dunque rosico.
    questa è bellissima!!!! 😀

  3. @giuseppe: la verità è che non gli piaccio abbastanza. Ma la domanda, dunque, è: voglio io davvero uscire con uno insano di mente? E la risposta è: grazie ma ho già dato.

    E poi, diciamocelo, quando una è Principessa non si deve mettere a fare ste cose…non sono nella sua natura, e si vede.

  4. doh!!!!!!!!!!!!!!!!

    05:54, 17 marzo, 2009

    cosa potrà mai fare una principessa a quest’ora della notte??? :O
    forse il pisello sotto il materasso non ti lasciava dormire in santa pace???

    giuseppe

  5. mah.
    io direi tiratela finchè puoi, dopo di che porta in libreria un tuo amico…così vedi chi fissa.

    c’è poco da fare: è tonto.

    P.

  6. Uhm… Per me è un riconoscibilissimo comportamento da: “Non mi piaci, m visto che è tempo di magra, se proprio insisti una botta te la do”.
    Se poi ha Vodafone e c’è la possibilità che abbia mandato gratis gli sms con l’Infinity, allora è sicuro.

    Pietro

  7. @angus: effettivamente io a quel segnalibro ci tenevo davvero ma sono troppo una principessa per prenderlo indietro dopo che è passato in quelle manacce sozze.
    @anonimoDOCG: chiederò al responsabile audio della stazione Termini di filodiffonderla evriuèr.
    @giuseppe: che se lo tenesse il segnalibro, e ci si facesse i filtrini delle sue canne da punkabbestia schifido. E comunque io a quell’ora mi alzo per dedicarmi alla preparatio e poi all’andatio al master.
    @Pietro: avevo già escogitato un piano-lato B di questo genere. Ma mi pare che ormai mi stia facendo passare per quella che sbava. IO, ah ah. Solo a due cose non c’è soluzione: la ricrescita e la tontaggine di PT.
    @mucchiodossa: passata e ringraziato! Comunque se fosse stato fidanzato avrebbe potuto dirlo (e sarebbe uno stronzo), se fosse molto ma molto timido non avrebbe scusanti perchè più di così come gliela devo porgere?
    @tcc: più certo di me ha solo la morte.

  8. @Pietro: lo penso anche io, mi lavo troppo, profumo e sembro molto più scema di quanto non sia. O semplicemente non porto la chefia. Non so. Comunque è barbuto, moro, piccino…a sto punto ve lo passo.

  9. Gay non è, altrimenti non ti avrebbe nemmeno detto di passare a San Lorenzo.

    Fidanzato/sposato non è altrimenti te lo avrebbe detto.

    L’unica spiegazione plausibile è che sia effettivamente mormone. E non dire che non ti avevo avvertito.

    ps. Mi sa che ti conviene fare la tessera di Feltrinelli.

  10. @tomada: non mi resta che darti ragione, è mormone. Cioè, per la serie “se una cosa può andar male, farà peggio”.
    @mucchiodossa: secondo me ha la testa tutta d’osso.

  11. @tomada: è semplicemente favolosa (non so se piangere di gioia pensando che gli uomini onesti esistano ancora) la tua convinzione che un uomo dica ad una donna trombabile che è fidanzato/sposato.
    cioè, per carità, lo dicono. però a me di solito lo dicono quando mi sto rimettendo le mutande.

  12. @lanoisette: ti quotissimo. Idem per me, di solito se lo fanno sfuggire dopo la doccia e nel dormiveglia, quando se fai la domandina giusta rispondono spontaneamente…
    @enrico: ma di cosa??? ma dai… e cruda no, e cotta no, e tiepida no…ma come la volete? (una donna, n.d.a.)

  13. @lanoisette: come disse qualcuno il cui cognome inizia per “Berlu” e finisce per “sconi”, sono stato frainteso.
    Intendevo che se l’essere sposato/fidanzato secondo LUI costituisce ostacolo insormontabile a una serata con lafrangia, glielo avrebbe detto (da buon mormone qual è). Se fosse sposato/fidanzato e cercasse la scappatella, non scriverebbe “sono a san lorenzo, possiamo trovarci”.

    Altrimenti è più cretino di quanto è sembrato fino ad ora.

  14. magari è tutto più complicato di quanto sembri…per esempio, potrebbe essere una spia nordcoreana, con nome in codice tipo nikita, e ogni volta che vuole incontrarti, lo chiamano per una “missione” (sabotare fast-food, raccogliere informazioni sul nemico capitalista, reclutare militanti per le BR, ecc.)

    anonimo DOCG

  15. @tomada: la terza che hai detto.
    @angus: la cosa è reciproca.
    @anonimoDOCG: è tutto molto affascinante, davvero. Comunque non pensavo di restarci tanto male. Questa è la ferst e la lest taim che ci provo con uno, giuro.
    @giuseppe: ve?

  16. la noisette!! mi è uscita la birra dal naso!! (anche a me lo dicono quando mi sto rimettendo le mutande… la seconda/terza volta!)

    la frangia: gli manca mezzo metro di polpacci… VIAAAAAAAAAAA!!

  17. avrà letto uno di quei libri di psicologia spicciola da scaffale del supermercato in cui dicono che se vuoi piacere a una bionda non devi filarla nemmeno di striscio..è diabolico sto tizio 🙂
    a.i.

  18. viene da chiedersi che gente frequentate ragazze….

    cioè…io non lo direi nemmeno alla seconda terza volta…

    giuseppe

  19. @lerinni: esatto…la pedana è bocciata!
    @a.i.: di tutti i libri che ha a disposizione, proprio quello doveva leggere?
    @giuseppe: negare-negare-negare-sempre-e-comunque-anche-l’evidenza è la regola della vita.

  20. già..il famigerato lucchetti-severini dal titolo “Blondatio non petita rosicatio manifesta” ma soprannominato dai lettori “ammazza bionde”..ma non poteva essere un fan di Asimov o di Gibson invece?? davvero diabolico..
    a.i.

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...