Peperoni a colazione

Immagino che quando apri un blog (con uno pseudonimo) puoi anche aprirti una nuova personalità. Inventare, insomma, un personaggetto ganzo in alternativa al tuo vero “me”.
Ma si dà il caso che io sia bionda e, dunque, un personaggetto ganzo lo sono davvero. E forse è anche il caso che scriva una specie di biografia, visto che non mi conosce nessuno.

Nasco un po’ di tempo fa (che a me pare troppo, ma agli altri anche no) in Umbria. Il che non significherà assolutamente niente nella mia esistenza.
A qualche mese mi trapiantano in Puglia dove inizio a parlare con le vocali chiuse dicendo pomodôro – côsa – rôsa. Poi pensano bene di traslocarmi in Umbria dove inizio la prima elementare. Sarà un trauma perché la mia compagna di banco Ilaria (scelta in base al fatto che eravamo le più gnome della classe) mi spacca di botte, principalmente perché dico pomodôro – côsa – rôsa. E se piango la maestra mi mette all’angolo.
Ché io ho fatto la prima elementare nell’ultimo anno della maestra unica. E non è stato per niente carino.
Girovago un po’ per l’Umbria e finisco le scuole “in città”, dove tutti si portano la tuta nella borsa di ricambio per fare ginnastica. E io no.
Con la mia tuta indossata già da casa mi innamoro pazzamente di uno sgorbietto pieno di brufoli e pelato già a diciassette anni, con una motivazione validissima: era arrivato primo al concorso di latino della scuola. Gli scrivo una lettera d’amore al giorno, anche bella, e gliela lascio sotto il banco.
Lui non mi cagherà mai fino al giorno prima della mia partenza per il Portogallo. E’ quello il momento in cui mi prendo una delle mie più grosse rivincite da Bionda.
Insomma giretto un po’ tra la Francia e Trieste, passando per lavoretti vari ed eventuali.
Alla fine torno in Umbria dove sono attualmente stanziata.

Si vocifera che:
– abbia fatto la majorette
– abbia fatto la ballerina di latino-americani
– abbia suonato il piano
– abbia sfoggiato favolosi look anni ottanta
– abbia suonato il triangolo con una camicetta a pois in chiesa
– abbia fatto il chierichetto-femmina per due volte
– abbia dato un calcio nei coglioni al maestro di nuoto per sbaglio
– sia stata fan di Valentino Rossi e dei Korn inspiegabilmente
– abbia un futuro da gay icon
– sia stata scambiata per russa-polacca-croata in molteplici occasioni
– sia vegetariana con parentesi
– abbia un passato da fly-girl ma anche da ragazza interrotta
– abbia avuto i capelli blu, rossi e….(rullo di tamburi) …NERI.

Ma io non confermo niente.

5 thoughts on “Peperoni a colazione

  1. 16 commenti: Demonio Pellegrino ha detto…
    povera stella, quest’aneddoto della tipa che ti picchiava mi mancava.

    fossi stato io al posto suo ti avrei preso a ghignate.

    la parlata pugliese e’ davvero penoso. ma anch quella umbra e’ mOOOOLto competitiva.

    2 dicembre 2008 16.47
    Frangia ha detto…
    @ Demonio:
    Veramente mi scassava di botte pure Marco Margheriti. Perchè gli piacevo e voleva dimostrare il contrario.

    Demonio, tu al posto di Ilaria mi avresti portato una giunchiglia ogni mattina, ne sono certa.

    Che ne sai poi tu della mia parlata…

    2 dicembre 2008 19.15
    lanoisette ha detto…
    tu lo sai, vero, che il tipo brufoloso avrà riciclato tutte le tue lettere d’ammmore facendo il figo con tutte le donnine bionde, more, rosse che gli son capitate a tiro?

    PS: quando ho letto il titolo del post ho pensato agli uomini. gli uomini che si ripropongono come i peperoni..

    2 dicembre 2008 21.14
    Frangia ha detto…
    @ Lanoise: per assurdo io i peperoni li digerisco benissimo, non mi si ripropongono quasi mai. Mica come gli uomini.

    Per me l’uomo è aglio: lì per lì ti pare che ci stia bene, poi ti lascia l’amaro in bocca e quando (ne) parli ti penti di averlo assaggiato.

    2 dicembre 2008 21.47
    ventiseitre ha detto…
    Ma oltre alle vocali chiuse, trasformavi le “a” in “e”? Tipo “E con il peperoncino e un po’ d’insaléta ti protegge la Madonna dell’Incoronéta”?

    3 dicembre 2008 0.27
    Frangia ha detto…
    @ ventiseitre: io stavo in zona Focc’, la linobanfite è tipica di Beri!

    3 dicembre 2008 1.18
    Demonio Pellegrino ha detto…
    frangia, non conosco la tua parlata, ma conosco la parlata umbra…nunsepossenti’.

    con le dovute eccezioni.

    3 dicembre 2008 9.40
    Frangia ha detto…
    @ Demonio: concordo, nunzepossendì.
    Ma generalmente si fissano tutti sulla frangia che è mOOOOlto più competitiva della parlata.

    3 dicembre 2008 16.36
    BridgetJones ha detto…
    Io semplicemente ti adoro!
    Sei la più mitica tra tutte le bionde mitiche!!

    4 dicembre 2008 2.50
    Frangia ha detto…
    @ Bridget: contraccambio 😉 e fai molta attezione con i tappetti delle bombolette.

    4 dicembre 2008 13.27
    Anonimo ha detto…
    Bellissimo. Ah, questo anonimo sarebbe Donato il feisbucchino 🙂

    4 dicembre 2008 13.27
    Frangia ha detto…
    @ Anonimo: la bandierina mi lasciava intuire qualcosa…

    4 dicembre 2008 13.28
    Anonimo ha detto…
    che bandierina? qui da me non si vede niente…

    l’anonimo codardo di cui sopra

    4 dicembre 2008 13.31
    Anonimo ha detto…
    l’anonimo codardo ha capito. per questo motivo, proverò a venire sempre da facebook e non da un sito porno 🙂

    4 dicembre 2008 13.35
    Frangia ha detto…
    sempre più codardo…

    4 dicembre 2008 13.39
    Anonimo ha detto…
    ormai sei fra i preferiti 🙂 quindi ti aprirò sempre a parte, venendo dal desktop 🙂 al massimo dalla home page.

    anonimo codardo

    4 dicembre 2008 13.42

  2. Si vocifera che se la cavi in materia di capelli , nella fattispecie nell’attaccare i capelli finti di donne vive a uomini senza capelli

  3. la parlata pugliese!!!ahahaha
    io dico pomodoro, rosa, cosa, esattamente in quel modo.Sono bruna e sono stata scambiata tutt’al più per greca o egiziana (se abbronzata)…e questo post mi piace molto, anche se vorrei sapere come è andata a finire con Mister Certamen…:)

  4. @pallina: allora, com’è andata a finire…
    E’ finita che per anni lui mi ha tenuta come copertina di Linus, messaggini al compleanno e qualche semplice passeggiata a chiacchierare in estate. Poi si è fidanzato (3/4 anni fa)e non so se tu l’hai più sentito, perchè io no. E non ne sento manco la necessità.

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...